Il fico, albero coltivato da millenni

Il nome scientifico del fico è Ficus carica, con riferimento al fatto che questa pianta si ritiene abbia origine in Asia minore e precisamente nella regione un tempo detta Caria.

Il fico appartiene alla famiglia delle moracee, è un albero che può raggiungere 6-8 metri di altezza e cresce bene in tutte le regioni con clima mediterraneo.

Questo albero viene coltivato da tempi molto antichi. Il fico viene citato innumerevoli volte nella bibbia, tra gli alberi presenti nell’eden è l’unico menzionato per nome.

Nell’antico e nel nuovo testamento questa pianta assume un importante valore simbolico di prosperità, di conversione e rimedio al peccato: ricordiamo ad esempio le foglie di fico usate per coprire i genitali da Adamo ed Eva.

L’albero di fico ha quindi accompagnato l’agricoltura attraverso i secoli, spesso consociato con altre colture come vite e olivo.

Caratteristiche del Ficus carica

Il fico si presta ad essere coltivato in terreni sciolti, calcarei, argillosi, mentre teme l’eccesso di umidità. Questa pianta resiste al caldo ed al secco come una pianta grassa grazie al suo apparato radicale molto espanso e profondo.

fico albero

L'albero di Ficus carica può arrivare a 6-8 metri di altezza

In queste condizioni pedoclimatiche, che sono tipiche dell’ Italia meridionale ed insulare, il fico produce i frutti di migliore qualità e pezzatura. Se le condizioni sono idonee da una sola pianta adulta si possono raccogliere anche diversi quintali di fichi.

Le varietà di fico sono unifere se fanno una sola produzione durante l’anno, o bifere, se portano una prima produzione di fioroni verso la fine primavera, ed una produzione di fichi veri a fine agosto.

Le varietà si distinguono anche in funzione del colore della buccia dei frutti maturi, in bianche (colore dal verde al giallo-verde) e nere (colore violetto).

In genere i frutti sono maturi quando lo stelo inizia a piegarsi verso il basso o quando iniziano ad essere attrattivi per le vespe.

La coltivazione del fico 

La propagazione si può effettuare per talea o per pollone radicato, innestando poi il portainnesto ad anello o a gemma.

L’impianto può essere effettuato in inverno. È bene porre le piante ad una distanza almeno di 5-6 metri tra loro, in una zona soleggiata per evitare danni da freddo.

La potatura del fico

Germoglio di fico in primavera, dopo la ripresa vegetativa

La potatura del fico può essere effettuata subito dopo la ripresa vegetativa eliminando i rami più vecchi e mal disposti, durante questa operazione sgorgherà lattice bianco dai tagli che può essere irritante per la pelle: meglio usare guanti e vestiti a maniche lunghe.

Le potature servono anche ad arieggiare la chioma, un’umidità elevata favorisce le infestazioni di cocciniglie. Una ulteriore potatura di contenimento può effettuarsi in estate.

Il fico si avvantaggia di una leggera concimazione organica, mentre le esigenze irrigue sono pressoché nulle.

Proprietà dei fichi

I fichi sono un alimento ricercato e popolare sia per essere molto nutritivi che per le loro virtù benefiche per l’organismo.

Le pectine contenute nei frutti favoriscono la circolazione del sangue. I fichi sono molto ricchi di zuccheri ed hanno elevate quantità di vitamine ed alcuni preziosi sali minerali come ferro, calcio, cromo e magnesio.

La presenza di sostanze antiossidanti nei frutti è particolarmente abbondante, con particolare riferimento ai polifenoli e alle antocianidine. I fichi inoltre, consumati freschi o secchi, hanno un potere lassativo e disinfettante nei confronti della mucosa gastrica.

Macerati di fico vengono utilizzati in fitoterapia proprio per la cura di disturbi dell’apparato digerente.

Dai frutti immaturi sgorga un lattice bianco leggermente irritante per la pelle, contenete amilasi e proteasi e viene utilizzato per i trattamenti di calli e verruche.

Il giardino della nonna: ricreiamo un luogo dedicato ai ricordi
Viviamo in un periodo nel quale diventa sempre più attuale recuperare il passato, onorandone i ricordi o recuperando e riutilizzandone gli oggetti. Un...
Andare in vacanza ad Agosto...ma chi cura le piante dell’orto e del giardino
Per chi possiede un giardino, ma soprattutto un orto, assentarsi per anche un breve periodo può risultare problematico. E’ comunque possibile prenders...
Consigli su come curare i giardini rocciosi in estate
La stagione estiva è sempre il periodo più problematico per tutte le piante. Anche il giardino roccioso non fa eccezioni e ha bisogno di cure spec...
Le piante d’acqua e la cura del laghetto nei mesi freddi
Prima dell’arrivo della stagione fredda è importante occuparsi delle piante più sensibili presenti negli specchi d’acqua dei giardini. Alcune temono i...
Cos’è la pacciamatura e a cosa serve
L’inverno è un momento complicato per l’orto e per il giardino, è molto importante tenere sotto controllo la salute delle piante. La pacciamatura è un...
Tutto sulle castagne: conservazione, varietà e curiosità
I castagni crescono bene in collina. Il castagno è una pianta acidofila quindi cresce al meglio in un terreno dal pH acido o neutro e senza calcare at...
Come e quando mettere a dimora le piante in giardino
Le giuste conoscenze che riguardano la messa a dimora delle piante ornamentali sono un importante fattore nel determinare il successo della progettazi...
Echium fastuosum, pianta resistente al clima secco e dalla splendida fioritura
L’ Echium fastuosum è una bellissima pianta perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Borraginacee. Questa pianta è originaria dell’isol...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!