La moltiplicazione per talea dei Gerani (Pelargoni)

I Pelargoni, più comunemente noti come Gerani, sono piante note in tutta Italia. Presenti quasi su ogni davanzale, sono trai i più apprezzati, sia perché molto belli e decorativi, sia perche decisamente facili da coltivare. In questo periodo si può procedere con la moltiplicazione delle nuove piantine, queste saranno in grado di sbocciare il prossimo anno.

moltiplicazione per talea

Pelargonium x hortum

I Gerani colorano i nostri balconi

Sono circa 300 le specie appartenenti al genere Pelargonium. Queste piante sono originarie dei territori del Sud America, conosciute normalmente – ed erroneamente – con il nome di gerani; si tratta di esemplari perenni e sempreverdi nelle aree d’origine, con il nostro clima le piante si adattano bene e sono perfette per vivere in vaso, vengono coltivate come piante annuali.

I pelargoni hanno bisogno di essere ben concimati e bagnati con regolarità; in questa maniera garantiranno fioriture rigogliose e ininterrotte a partire da inizio estate, per durare fino all’autunno.

Gerani Pelargoni

Pelargonium macranthum

Le varietà sono molte e i fiori possono avere aspetti differenti, normalmente sono singoli, o doppi; le colorazioni e le dimensioni variano. Tra i colori più comuni si possono trovare il rosso, il rosa e il bianco.

A partire dalla seconda metà del mese di giugno, oppure durante il mese di settembre è possibile riprodurre gli esemplari adulti mediante talea, le percentuali di riuscita con successo sono piuttosto elevate.

Scegliendo questo metodo di riproduzione si ottengono piante completamente uguali alla pianta madre: il colore dei fiori sarà lo stesso, così come la forma delle foglie e la struttura stessa.

Come fare una talea

  1. Utilizzare una forbice o un piccolo coltello ben affilato, e possibilmente sterilizzato, per recidere e prelevare 15 centimetri di ramo, partendo dalla parte apicale.
  2. Le foglie in prossimità della base possono essere eliminate. Quelle terminali collocate nella parte più alta si possono lasciare, ma vanno ridotte di circa i due terzi, praticando dei tagli semplici.

    geranio edera o parigino

    Pelargonium x peltatum

  3. La talea deve essere posta all’interno di vasetti di circa 5 centimetri di diametro. Riempiteli con una miscela formata da 3 parti di sabbia, 2 di torba e una di terriccio di tipo universale.
  4. Ogni vasetto deve contenere solo una talea. Questa deve affondare nel terriccio per circa due nodi, cioè i punti di inserzione tra foglie e fusto. Completata l’operazione bagnate la pianta.
  5. Successivamente si dovrà continuare con l’irrigazione ma con parsimonia. Vanno evitati i ristagni d’acqua, che causerebbero la marcescenza dell’apparato radicale. I vasetti vanno poi collocati o all’aperto o in ombra.
  6. Le prime foglioline nuove si vedranno dopo circa due mesi. Lo spuntare di foglioline nuove sta a significare che le radici hanno attecchito; da questo momento le talee sono pronte per essere piantate o in piena terra o in vaso.

Pelargoni: le specie più diffuse

Gerani (Pelargoni)

Pelargonium

Esistono molte specie di pelargoni, ma solo alcune sono tra le più diffuse e più facilmente reperibili nei garden center. Di seguito ve ne indichiamo tre tra, ottime da ospitare in vaso ne vostri balconi, o in piena terra nei vostri giardini.

  • Pelargonium x hortum: questo esemplare viene comunemente chiamato geranio zonale. Si tratta di una pianta dall’aspetto cespuglioso, con fusti eretti e foglie dal colore verde e la forma tondeggiante. I fiori variano dal bianco al rosa e sono in netto contrasto con il colore intenso del fogliame. Tra le varietà più note segnaliamo: Appleblossom Rosebud, Happy Thought e Mrs. Henry Cox.
  • Pelargonium macranthum: si tratta di una pianta con portamento eretto che raggiunge altezze fino ai 60 centimetri; si tratta di una specie più delicata rispetto alla zonale. Anche in questo caso le foglie hanno forma tondeggiante, dal colore verde intenso. I fiori hanno la forma di un imbuto, sono di colore bianco, rosso e tutte le tonalità più comuni del rosa. La particolarità di questi fiori sono i tipici petali increspati. Tra le varietà principali segnaliamo: Carisbrooke e Grand Slam.
  • Pelargonium x peltatum: questo geranio viene comunemente chiamato a edera o parigino. Si tratta di una specie con portamento ricadente, quindi ottima per essere coltivata in vaso o in contenitori sospesi. Le foglie sono molto simili a quelle dell’edera, dal colore verde brillante. I fiori hanno forma stellata, sono riuniti in ombrelle, retti da steli molto sottili. Esiste un’enorme quantità di ibridi con fiori di colori differenti che variano dal porpora scuro al rosa. Segnaliamo tre varietà: Apricot Queen, Mexican Beauty e Rouletta.

SIEPI: Come adornare il giardino con le piante da siepe
Le piante da siepe nel giardino possono avere molteplici funzioni. Oltre ad abbellire i margini degli spazi verdi possono essere infatti utiliz...
Progettare il giardino:L’impiego del colore nella creazione dei giardini
L’impiego del colore nel giardino Nella progettazione del giardino capita sovente di dover effettuare delle scelte che riguardano gli accostamenti ...
Il giardino della nonna: ricreiamo un luogo dedicato ai ricordi
Viviamo in un periodo nel quale diventa sempre più attuale recuperare il passato, onorandone i ricordi o recuperando e riutilizzandone gli oggetti. Un...
Come potare lavanda, rosmarino e agrifoglio. Anche per i meno esperti.
Procuratevi delle forbici ben affilate e disinfettate. Basteranno queste per potare i cespugli più comuni presenti nei nostri giardini. In questo modo...
Un'erbacea perenne dal fogliame che stupisce: il Coleus
Il genere Coleus è una pianta di origine tropicale, appartiene alla famiglia delle Labiatae, comprende circa 150 specie differenti e provenienti quasi...
Piante particolari dai toni metallici
I garden designer ormai le amano, i giardini se ne popolano, si tratta di particolari piante dalle colorazioni metalliche. Scopriamo insieme quali var...
I Sedum, un genere di piante grasse di facile coltivazione
Il genere Sedum appartiene alla famiglia delle crassulacee, ovvero delle piante grasse. Il nome Sedum deriva dal latino sedeo, mi siedo, ed allude al ...
I fiori all'ombra
Ormai siamo in estate, le giornate sono sempre più lunghe e più calde. Per alcune piante questo periodo è il migliore perché possono finalmente fruire...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Molti ci stanno seguendo con passione!
Aiutaci anche tu a diffondere la cultura e la passione per il verde

Condividi GPF su FACEBOOK

Grazie per il Tuo sostegno!!