La Salvia: coltivazione e proprietà della regina della tavola

La salvia è una pianta cespugliosa appartenente alla famiglia delle Labiate. Questa pianta viene considerata la pianta aromatica per eccellenza e il suo nome, che deriva dal latino salvere (godere di buona salute), ne indica l’uso medicinale che ne è stato fatto sin dall’antichità.

Proprietà della salvia e uso in tempi remoti e recenti

Pianta di salvia

Gli antichi egizi la usavano per imbalsamare i morti, mentre i Romani che la usavano per conservare gli alimenti come la carne, pensavano potesse anche migliorare la memoria.

Il famoso medico greco Ippocrate la consigliava per lenire le piaghe.

I guaritori dei pellerossa la usavano per curare l’epilessia, il morbillo e i vermi intestinali. Ancora oggi nella medicina cinese ed ayurvedica la salvia trova impiego per curare l’insonnia, la carie, i disturbi mestruali, ecc.

Gli oli essenziali della salvia sono utilizzati per i loro effetti benefici nell’aromaterapia per i suoi effetti benefici sulla depressione e sulla stanchezza mentale.

Sostanze contenute nella salvia

La salvia è una pianta dall’elevato contenuto di sostanze aromatiche come l’alfa e beta pinene e l’alfa e beta thujone ed antiossidanti come l’acido caffeico e rosmarinico, oltre ad un numero considerevole di flavanoidi e vitamine B1 e C. Inoltre la salvia contiene anche la canfora, una molecola molto utilizzata nella farmacopea mondiale.

La salvia: coltivazione

Coltivare la salvia non richiede grande impegno né esigenze particolari di clima e terreno, infatti è una pianta rustica e si trova piuttosto bene nei climi mediterranei. Tuttavia soffre il freddo, quindi è sconsigliabile coltivarla oltre i 900 metri di altitudine o in quei luoghi dagli inverni eccessivamente lunghi e rigidi. La salvia può essere coltivata anche in vaso in appartamento, anche se in campo si sviluppa al meglio formando un cespuglio che sfiora il metro di altezza.

Le innaffiature devono essere moderate, mentre è bene favorire lo sgrondo dell’acqua in eccesso e la buona circolazione dell’aria. L’elevata umidità potrebbe infatti favorire lo sviluppo di malattie fungine che determinano l’ingiallimento delle foglie. Visto che la salvia viene coltivata per le sue foglie, saranno particolarmente utili le concimazioni azotate che ne favoriscono lo sviluppo.

Moltiplicazione della salvia

La salvia può essere moltiplicata per seme e per talea.

Nel caso della moltiplicazione per seme è opportuno utilizzare un vassoio contenente un apposito terriccio su cui porre i semi in file parallele. Dopo avere umidificato il terriccio in modo uniforme, il vassoio può essere ricoperto con un foglio  di plastica trasparente per mantenere una buona umidità del terriccio. Man mano che le piantine emergeranno potranno essere prelevate e trapiantate, avendo cura di non lesionarle.

La moltiplicazione per talea invece prevede che porzioni della pianta madre da utilizzare vengano prelevate in primavera o in estate. Le talee vengono prelevate dagli apici vegetativi da piante di 2-3 anni di età per una lunghezza di 8-10 cm.

Attenzione all’oidio

La salvia è soggetta a malattie causate da agenti biotici come i funghi, e tra queste la più dannosa è probabilmente l’oidio che determina vistosi ingiallimenti fogliari. Per prevenire lo sviluppo di questa malattia è bene intervenire alla comparsa dei primi sintomi eliminando con la potatura le parti colpite. Nei casi più gravi può essere opportuno un trattamento con lo zolfo.

La salvia può essere anche attaccata dagli afidi, che nella maggior parte dei casi però non richiedono interventi fitosanitari.

Arnica Montana, proprietà e utilizzo in omeopatia e fitoterapia
L'arnica montana anche detta, piantagine delle Alpi, Battonica, Tabac des Vosges (in Francia), stranudela, tabach de montagna, fa parte della famiglia...
Fiori profumati, in aromaterapia, in profumeria, in cucina
Buona parte delle essenze utilizzate per produrre prodotti per profumare il corpo derivano dai fiori. Alcune sono particolarmente caratteristiche, com...
Il peperoncino: coltivazione, proprietà e conservazione
Il peperoncino appartiene alla famiglia delle solanacee. Nei suoi climi d’origine (America centrale e meridionale) è una pianta perenne. Si presenta c...
Piante tropicali: la Dieffenbachia cure e malattie
La Dieffenbachia è una pianta d’appartamento di origine tropicale molto nota, e sicuramente apprezzata. E’ caratterizzata da foglie di grandi dimensio...
Una pianta rampicante decorativa: la Bignonia grandiflora
E’ una pianta dal grande valore decorativo, soprattutto grazie ai fiori dalla caratteristica forma a tromboncino. Questi fiori hanno solitamente una c...
Aromatiche poco conosciute: la Santoreggia
La santoreggia è nota anche come erba dei Satiri. I romani utilizzavano normalmente quest’erba aromatica, Satureia Hortensis, per insaporire le salse ...
Piante spontanee del Mediterraneo. Due lamiacee: il the siciliano e il camedrio femmina
Piante spontanee del Mediterraneo: Prasium majus, il the siciliano Il the siciliano è una labiata spontanea di molte regioni italiane che si affaccia...
L'orto sul balcone: coltivare le fragole
Anche se la primavera sta davvero tardando quest’anno possiamo sempre attrezzare il nostro balcone o terrazzo in attesa dell’arrivo dei primi caldi. P...


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.